Archivi categoria: Agricoltura

DL Stabilità 2013: altre misure

Detassazione premi produttività (art. 1 co. 481-482)

Gli sgravi dei premi di produttività vengono prorogati anche per il periodo 1° gennaio 2013 – 31 dicembre 2013. Si resta in attesa delle modalità attuative che saranno definite da un apposito DPCM.

Deduzioni IRAP (art. co. 484-485)

Vengono incrementate le deduzioni Irap per l’assunzione di personale dipendente a partire dal 2014.

È stata incrementa anche l’ulteriore deduzione forfetaria rapportata alla base imponibile IRAP per i contribuenti di piccole dimensioni:

VALORE DELLA PRODUZIONE Snc, sas, p.f.,
s.s., professionisti

Altri soggetti

≤ € 180.759,91 € 8.000 + 2.500 € 8.000
> € 180.759,91 ma ≤ € 180.839,91 € 6.000 + 1.875 € 6.000
> € 180.839,91 ma ≤ € 180.919,91 € 4.000 + 1.250 € 4.000
> € 180.919,91 ma ≤ € 180.999,91 € 2.000 + 625 € 2.000
> € 180.999,91 non spettante non spettante

Riallineamento avviamento e partecipazioni (art. 1 co. 502-505)

Vengono rinviati al 2018 gli effetti del riallineamento dei valori civili e fiscali relativi all’avviamento e altre attività immateriali iscritte nell’ambito delle aggregazioni aziendali (art.23 co.14 DL 98/2011) e al 2019 gli effetti del riallineamento delle partecipazioni (art. 20 co. 2 L. 201/2011).

Rivalutazione redditi dominicali e agrari (art. 1 co. 512)

Per il triennio 2013-2015 i redditi dominicali e agrari subiranno una ulteriore rivalutazione del 15%. Per per i terreni agricoli, nonché per quelli non coltivati, posseduti e condotti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali (IAP) iscritti nella previdenza agricola, la rivalutazione è pari al 5%.

Agricoltura (art. 1 co 513-514)

Dal 2015 le società agricole di capitali (srl) o di persone (snc, sas) non potranno più determinare il reddito su base catastale (reddito agrario). Regime invariato per le società semplici.

DL Sviluppo Bis: società agricole e affitti (art. 36 c.8)

(Photo credit: Wikipedia)

Non costituiscono distrazione dall’esercizio esclusivo delle attività agricole la locazione, il comodato e l’affitto di fabbricati ad uso abitativo, nonché di terreni e di fabbricati ad uso strumentale alle attività agricole di cui all’articolo 2135 del c.c., sempreché i ricavi derivanti dalla locazione o dall’affitto siano marginali rispetto a quelli derivanti dall’esercizio dell’attività’ agricola esercitata (l’ammontare dei ricavi relativi alle locazioni e affitto dei beni non deve superare il 10 percento dell’ammontare dei ricavi complessivi).

Contratti agroalimentari (art. 62 DL 1/2012)

(Photocredit:Wikipedia)

Dal 24 ottobre sono entrate in vigore le nuove norme sui contratti agroalimentari previste dall’art. 62 del DL 1/2012, che si riepilogano brevemente.

1) Tempi di pagamento: le fatture devono essere pagate entro 30 gg. per i beni deperibili, 60 gg. per gli altri a partire dall’ultimo gg. del mese di ricevimento della fattura a pena di sanzioni e dell’applicazione di interessi moratori.

2) Forma del contratto: obbligatoria la forma scritta per il contratto. I contratti in essere dovranno essere formalizzati/integrati entro il 31 dicembre 2012. In alternativa o ad integrazione dei contratti è possibile anche emettere fatture (documenti di trasporto o di consegna) conformi all’articolo 62, contenenti tutti gli elementi essenziali previsti dal comma 1 dell’art. 62 (la durata, le quantità, le caratteristiche del prodotto venduto, il prezzo, le modalità di consegna e le modalità di pagamento) e la seguente dicitura:

“Assolve gli obblighi di cui all’articolo 62, comma 1, del decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27”.

3) Esclusione: sono escluse dalla normativa:

-le cessioni nei confronti dei privati consumatori;

-le cessioni effettuate dai soci di cooperative agricole alle cooperative stesse;

-le cessioni effettuate ai soci di organizzazioni di produttori;

-le cessioni di prodotti istantanee: vendite con il pagamento contemporaneo alla consegna;

Nota bene: per  le cessioni di prodotti alcolici (birra,vino, bevande fermentate diverse dal vino e dalla birra, prodotti alcolici intermedi e l’alcol etilico) continua a valere l’art. 22 della Legge n. 28/1999 in base al quale i pagamenti devono essere effettuati entro 60 giorni dal momento della consegna o ritiro dei beni medesimi.

4) Correttezza: vengono sanzionate le condotte sleali e lesive della concorrenza.

5) Interessi moratori: gli interessi decorrono automaticamente dal giorno successivo alla scadenza del termine di pagamento. Il saggio degli interessi di mora è quello standard maggiorato di ulteriori due punti percentuali ed è inderogabile.

saggio interessi mora = saggio d’interesse BCE + maggiorazione di legge (7 punti %) + 2 punti % previsti specificatamente dall’art. 62 D.L. 1/2012

Questo non significa però che esista un obbligo per il creditore di riscuotere gli interessi dovuti al mancato rispetto dei termini di pagamento. In ogni caso la data di ricevimento della fattura è validamente attestata solo nei seguenti casi:
1. consegna della fattura a mano;
2. invio a mezzo di raccomandata A.R.;
3. posta elettronica certificata PEC;
4. impiego del sistema EDI (Electronic Data Interchange).
In mancanza di certezza circa la data di ricevimento della fattura,si assume che la fattura sia ricevuta nella data di consegna dei prodotti.

6) Prodotti deteriorabili: L’art. 62 co. 4 del D.L. 1/2012, definisce “prodotti alimentari deteriorabili” i prodotti che rientrano in una delle seguenti categorie:
a) prodotti agricoli, ittici e alimentari preconfezionati che riportano una data di scadenza o un termine minimo di conservazione non superiore a sessanta giorni;
b) prodotti agricoli, ittici e alimentari sfusi, comprese erbe e piante aromatiche, anche se posti in involucro protettivo o refrigerati, non sottoposti a trattamenti atti a prolungare la durabilità degli stessi per un periodo superiore a sessanta giorni;
c) prodotti a base di carne che presentino le seguenti caratteristiche fisicochimiche:
- aW superiore a 0,95 e pH superiore a 5,2; oppure
- aW superiore a 0,91; oppure
- pH uguale o superiore a 4,5;
d) tutti i tipi di latte.

7) Sanzioni: sono previste anche sanzioni irrogate dall’Autorità Garante per la Concorrenza ed il Mercato (Antitrust) per le seguenti violazioni rilevabili d’ufficio o su segnalazione di qualsiasi soggetto interessato:

Violazione Sanzionato Sanzione
Contratto non in forma scritta o mancante elementi obbligatori Venditore da 516 a 20.000 euro
Condizioni contrattuali vietate Venditore da 516 a 3.000 euro
Pagamento oltre 30/60 giorni Acquirente da 500 a 500.000 euro

8) Fac Simile contratto

CONTRATTO DI FORNITURA DI PRODOTTI AGRICOLI
(articolo 62 D.L. 1/2012, conv. L.27/2012)
***

Con la presente scrittura privata da valere ad ogni effetto di legge tra:
- _______________________________con sede legale in …………… Via ……………., C.F. e P. Iva …………………, in persona del titolare sig. ………………., nato a ……………….. il ………………. e residente a ……………… in Via …………….. n…………, CF ………………………, d ‘ora in poi nella presente scrittura, per brevità, anche “parte venditrice”,

e

- _______________________________con sede legale in …………… Via ……………., C.F. e P.Iva …………………, in persona del titolare sig. ………………., nato a ……………….. il ………………. e residente a ……………… in Via …………….. n…………, CF ………………………, d ‘ora in poi nella presente scrittura, per brevità, anche “parte acquirente”,

SI STIPULA E CONVIENE QUANTO SEGUE:

1) Il presente contratto ha per oggetto la cessione dei seguenti prodotti agricoli da perfezionarsi anche mediante distinte consegne:
- ________________________ da q.li …. a q.li .…;
- ________________________ da q.li a q.li……..;
2) il presente contratto avrà una durata pari a _____________ *
3) I prodotti oggetto di vendita con il presente contratto hanno le seguenti caratteristiche**
4) i prodotti agricoli di cui al precedente punto 1) dovranno essere ritirati a cura e spese della parte acquirente presso il fondo agricolo di parte venditrice, ubicato in ________________. Al momento di ciascuna consegna dovrà essere redatto un apposito documento di consegna;
5) il prezzo di vendita dei prodotti agricoli di cui al punto n. 1) viene concordemente determinato nella misura di € ___________ per quintale maggiorato dell ‘Iva di legge***;
6) il pagamento del prezzo delle forniture di cui al precedente punto 5) deve essere effettuato dalla parte acquirente alla parte venditrice entro il termine di 30 giorni a decorrere dalla fine del mese di ricevimento della fattura a mezzo di bonifico bancario da effettuarsi alle seguenti coordinate: ________________________ ;
7) per tutto quanto non espressamente disciplinato dalla presente scrittura troveranno applicazione le disposizioni del Codice civile e dell’articolo 62 del D.L. 1/2012.

______________,lì______________
Il cedente
______________
L ‘Acquirente
______________

* Per la presente consegna, oppure per le consegne del mese di _____, oppure le consegne dell’anno ______;
** indicare la qualità o le caratteristiche particolari ed indicare se sono deteriorabili o non deteriorabili
*** ad esempio sulla base dei prezzi di mercato rilevati presso la Camera di commercio nella settimana della consegna, oppure stabilito mediante listino comunicato nel mese precedente

DL Liberalizzazioni: contratto scritto per cessione di prodotti agricoli e alimentari (art. 62)

Formaggio
PhotoCredit:(francesco_43)

I contratti che hanno ad oggetto la cessione dei prodotti agricoli e alimentari, ad eccezione di quelli conclusi con il consumatore finale, sono stipulati obbligatoriamente in forma scritta e indicano a pena di nullità la durata, le quantità e le caratteristiche del prodotto venduto, il prezzo, le modalità di consegna e di pagamento. Il termine di pagamento ė di 30 giorni per prodotti deperibili e di 60 giorni per gli altri. Il termine decorre dall’ultimo giorno del mese di ricevimento della fattura. Previste sanzioni in caso di inosservanza della norma. Entrata in vigore dopo 7 mesi dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.