NOVITà FATTURA ELETTRONICA DAL 1 LUGLIO

Photo by rawpixel.com on Pexels.com

Come noto, a partire dal 01/01/2019 l’unica modalità ammessa per documentare cessioni e prestazioni rilevanti ai fini IVA è quello della fatturazione elettronica tramite lo SDI. Recentemente l’Agenzia delle Entrate è intervenuta sul tema con una circolare (Circolare n. 14/E del 17/06/2019) fornendo importanti chiarimenti su questa tematica.

COSA CAMBIA PER LE FATTURE IMMEDIATE

Dal 01/07/2019 le fatture immediate potranno essere emesse ed inviate allo SDI entro 12 gg dalla data operazione che corrisponderà alla data esposta in fattura.

La circolare suddetta ha infatti previsto che il contribuente potrà indicare come data fattura la data di effettuazione dell’operazione, mentre la data di emissione (che coinciderà con la data di trasmissione allo SDI) verrà assegnata direttamente dal Sistema di Interscambio.

Questo meccanismo non è invece previsto per le fatture cartacee, che dovranno indicare la doppia data (data operazione e data emissione fattura).

L’annotazione delle fatture emesse potrà essere effettuata seguendo la data di effettuazione, quindi la data della fattura; infatti la numerazione e la registrazione devono consentire di individuare con chiarezza il mese di riferimento.

A tal fine si consiglia di utilizzare i registri sezionali e numerazioni separate (una per le fatture immediate e una per quelle differite).

COSA CAMBIA PER LE FATTURE DIFFERITE

Ai fini della semplificazione è consentito individuare come data fattura quella d’effettuazione dell’ultima operazione del mese (nel caso di più operazioni documentate da ddt). In tal caso andranno indicati data e numero dei ddt.

Buona parte della dottrina ritiene che nulla osti a che la fattura riporti come data l’ultimo giorno del mese e non la data dell’ultimo DDT del mese, come è prassi comune nelle imprese.

Nessuna modifica è invece intervenuta sul momento di emissione delle fatture differite.

Il termine massimo resta il 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione.

Nella tabella sottostante si fornisce un esempio sul tema.

Cliccare per ingrandire

(*) Può essere indicato anche 30/09/2019.

REGIME SANZIONATORIO

Si ricorda che a partire dal 01/07/2019 per i contribuenti trimestrali termina il periodo transitorio che permetteva la trasmissione del documento entro il termine di liquidazione IVA in assenza di sanzioni. Mentre per quanto riguarda i contribuenti che dovranno liquidare l’IVA con cadenza mensile tale periodo transitorio è esteso a tutte le operazioni compiute entro il 30/09/2019.