Archivi categoria: Società di comodo

Manovra di Ferragosto: società di comodo (art.2 c.36 quinquies – 36 sexiesdecies)

Inasprimento della normativa sulle società di comodo.
Prevista una maggiorazione del 10,5% dell’aliquota IRES per le società di comodo costituite in forma di società di capitali da applicare sul reddito presunto.
Tali società pagheranno quindi il 38% di IRES (27,5%+10,5%=38%).
Previsti nuovi criteri per essere considerati società di comodo:
1) società in perdita fiscale per 3 esercizi sono considerate di comodo;
2) società in perdita fiscale per 2 esercizi e con un esercizio con reddito inferiore al minimo di legge sono considerate di comodo.
Nel caso di concessione in uso ai soci di beni aziendali per un valore inferiore al valore corrente, tali costi sono indeducibili e il socio deve dichiarare tale differenza nel modello Unico.

Società di comodo (articolo 1, commi 128 e 129)

Esteso il numero di ipotesi di esenzione automatica dal regime delle società di comodo (ad es. società congrue e coerenti con gli studi di settore, società con ricavi superiori al totale attivo dello Stato patrimoniale, società in stato di fallimento o concordato preventivo, società con almeno 10 dipendenti nei due periodi precedenti, ecc.).
Sono inoltre riaperti i termini per lo scioglimento agevolato o la trasformazione in società semplice. L’imposta sostitutiva sul reddito di liquidazione scende al 10%, quella sull’affrancamento delle riserve di rivalutazione scende al 5%. Delibere entro maggio 2008.